PARCO ORETO E COSTA SUD - ForelloSindaco.it
16184
post-template-default,single,single-post,postid-16184,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
 

PARCO ORETO E COSTA SUD

PARCO ORETO E COSTA SUD

 

Uno degli elementi strategici per il futuro della città è la riqualificazione della costa e specialmente quella di Nord-Est (comunemente chiamata “Costa Sud”), che da oltre 50 anni è stata utilizzata illecitamente come discarica per ogni tipo di rifiuto. Nessuna amministrazione ha mai voluto contrastare, affrontare e risolvere il problema.

La conseguenza è che Palermo non è più una città che confina con il suo prezioso mare che viene negato a suoi abitanti.

Il nostro impegno è quello di trasformare questa enorme e degradante bruttezza che si estende per ben 7 chilometri in una eccezionale bellezza attraverso la sua trasformazione in un parco dal quale si potrà accedere nuovamente al mare così come prevedevo i piani di urbanizzazione.

Ma la fruizione del mare e della costa dovrà essere coerente con le caratteristiche ambientali e paesaggistiche: la zona dovrà essere restituita ai cittadini per consentirne il libera accesso al mare e il godimento delle bellezze naturali.

Naturalmente dovranno essere dismesse anche tutte le strutture che sono state installate abusivamente. Una volta realizzato il parco e restituito il mare, Palermo tornerà ad essere una delle più belle città di mare del Mediterraneo e ambita meta turistica con notevole e sano ritorno economico per tutta la città.

Le stesse opere realizzate negli anni scorsi sulla costa (il risanamento della grande discarica del cosiddetto mammellone costata 5 mln di euro, consegnata al Comune di Palermo e abbandonata per conflitti burocratici, o la bonifica dell’area prospiciente il Buccheri La Ferla, anche questa consegnata per fine lavori e mai affidata al Comune o altro ente) dimostrano che il problema di fondo delle opere pubbliche è la gestione.

Coinvolgere le associazioni e i cittadini e affidare alle loro cure il Parco della costa sud consentirebbe alla città di dotarsi di un’altra grande area verde in una zona fortemente sprovvista.
E al riguardo promuoveremo i “PATTI DI COLLABORAZIONE fra cittadini e amministrazione per la gestione dei beni comuni urbani”.

 

E il fiume Oreto? Non bastano iniziative di riqualificazione spot, non organiche e scollegate tra loro, ma è necessaria una vera progettualità (che dovrebbe coinvolgere anche la Regione) per la creazione di un vero e proprio parco urbano dell’Oreto. Da questo punto di vista, una risorsa importante sarà costituita dalle sinergie che le future amministrazioni a 5 Stelle, sia comunale che regionale, potranno realizzare.